Colline Novaresi DOC Boca Magnum in cassa di Legno lt 1,50

49,00

Sulle più alte Colline Novaresi tra il Lago Maggiore e la Valsesia, là dove fa da cornice il Monte Rosa, all’interno del Parco Naturale del Monte Fenera si trova il paese di Boca che dà il suo nome all’omonimo vino.

La coltivazione della vite in questa zona ha origini antichissime. Nella metà dell’800 in tutto l’Alto Piemonte, erano circa 40.000 gli ettari coltivati a vigneto, oggi ne sono rimasti solo 700.

Questa regione è stata l’area più vitata d’Italia, con scambi commerciali, culturali e scientifici legati alla viticoltura. Il declino della viticoltura iniziò nel dopoguerra in quanto le nascenti industrie mutarono una cultura prettamente agricola, togliendo non solo la forza lavoro ma anche gli investimenti nel settore agricolo in questa zona morfologicamente impervia; la vite e il vino passarono così in secondo piano.
All’inizio degli anni ’50 una violenta grandinata distrusse tutte le vigne, provocando perdite per due anni alla produzione di uva e quindi l’allontanamento definitivo dei pochi viticoltori rimasti. Il territorio di Boca è quindi passato da più di 1000 ettari coltivati a vigneto fino al minimo storico di 10 ettari nel 1998.
Da quel giorno grazie ad alcuni coraggiosi viticoltori Boca a piccoli passi ha iniziato a riappropriarsi della ricchezza più grande che possiede: la vite e il vino. In crescita anno dopo anno oggi sono circa 50 gli ettari coltivati a vigneto, che rendono il Boca un vino raro e di nicchia.

Da uve di Nebbiolo e  Vespolina , il colore si presenta rosso rubino brillante tendente al granato. I profumi ricordano la mammola e i frutti di bosco stramaturi, il sapore è asciutto, sapido, armonico con retrogusto di melograno.

Con cassa legno.

 

2 disponibili